Plastic tax e Sugar tax: novità e differimenti


L’art. 1, co. 1084 e 1086, L. n. 178/2020 (“Legge di Bilamcio 2021) ha introdotto importanti novità e ha differito al 1° luglio 2021 l’entrata in vigore della “Plastic tax” e al 1° gennaio 2022, l’entrata in vigore della “Sugar tax”

La Legge di Bilancio 2021 ha differito al 1° luglio 2021 l’entrata in vigore della Plastic tax, l’imposta sui manufatti monouso realizzati con polimeri sintetici (MACSI).


Con il differimento sono state introdotte diverse novità, tra cui:


– l’inclusione, tra i soggetti passivi, di coloro per conto dei quali i Macsi sono fabbricati;


– innalzamento a 25 euro della soglia di esenzione dal tributo;


– attribuzione di responsabilità solidale al pagamento al rappresentante legale di soggetti non residenti;


– attenuazione delle sanzioni amministrative per il mancato o ritardato pagamento dell’imposta e per la tardiva presentazione della prescritta dichiarazione trimestrale.


La Sugar tax (l’imposta sulle bevande analcoliche contenenti sostanze edulcoranti) è stata invece differita al 1° gennaio 2022. Anche per tale imposta sono state introdotte diverse novità, tra cui:


– l’ampliamento della platea dei soggetti obbligati al pagamento del tributo, che ora include anche chi cede le bevande realizzate, per conto suo, da altro soggetto, gestore dell’impianto di produzione;


– l’attenuazione delle sanzioni amministrative per il mancato o ritardato pagamento dell’imposta e per la tardiva presentazione della dichiarazione mensile.